L'Arte incontra il Tempo

I Mandala come trait d’ union tra i ragazzi degli Istituti Montessori di Castellanza e di Friedrichsdorf e gli anziani della Fondazione Sant’Erasmo di Legnano e della Casa di Riposo tedesca "Haus Dammwald"

Giu212014

Si è concluso nel mese di giugno il progetto “L’Arte incontra il Tempo”, che ha visto protagonisti da una parte i ragazzi della classe V dell’Istituto Montessori di Castellanza e un gruppo di persone affette da malattia di Alzheimer (già inseriti nel programma “Alzheimer Café”) della Fondazione di Sant’Erasmo di Legnano e, dall’altra, i ragazzi dell’Istituto Internazionale Montessori R.I.M.S. di Friedrichsdorf e un gruppo di anziani della Casa di Riposo "Haus Dammwald" non lontana dall’Istituto.

Il progetto ha permesso ai ragazzi italiani e tedeschi di entrare in relazione con persone anziane tramite l’Arte.

In particolare, il veicolo che ha permesso tale contatto è stato il Mandala, disegno geometrico racchiuso in un cerchio, dapprima disegnato dai ragazzi delle due scuole (gli alunni di V li hanno realizzati all’interno del laboratorio-progetto continuità di Disegno geometrico lineare con l’insegnante di Bottega dell’Arte Ilaria Miracca) e successivamente colorato “a quattro mani” insieme agli anziani dei due  Istituti.

I ragazzi italiani, divisi in piccoli gruppi, hanno incontrato il sabato pomeriggio gli anziani della Fondazione di Sant’Erasmo di Legnano e, coadiuvati da un’Arteterapeuta, hanno affiancato le persone affette da malattia di Alzheimer e lavorato insieme sui Mandala.

Anche i ragazzi dell’Istitituto Internazionale Montessori R.I.M.S. di Friedrichsdorf hanno seguito lo stesso iter ma, a differenza dei coetanei italiani, hanno lavorato con gli ospiti a lunga degenza della Casa di Riposo "Haus Dammwald" non affetti da malattia di Alzheimer.

Tanti gli obiettivi raggiunti attraverso questa positiva esperienza: da una parte c’è stata la presa di coscienza e il rispetto, da parte di ogni ragazzo, delle diversità relative alla realtà vissuta dalle persone anziane (in particolar modo da quelle affette da malattia di Alzheimer), e dall’altra per gli ospiti della Fondazione Sant’Erasmo e della Casa di Riposo "Haus Dammwald" aver lavorato con i ragazzi è stata una grande fonte di gioia che ha oltremodo risvegliato il proprio “bambino interiore”.

Con l’augurio che questo progetto ponga le basi per un’ eventuale e futura attività di volontariato consapevole, le scuole Montessori di Castellanza e di Friedrichsdorf ringraziano tutti coloro che l’hanno reso possibile (Presidentessa dell’Alzheimer Cafè della Fondazione Sant’Erasmo di Legnano, Sig.ra Laura Viganò Colombo; Arteterapeuta, Laura Zanolini; insegnante di Bottega dell’Arte, Ilaria Miracca; terapisti della Casa di Riposo “Haus Dammwald"; insegnanti, Lorena Martinico e Amy Elizabeth Frazier).

  • acof

    ACOF è una realtà formativa tra le più ricche e significative presenti in Nord Italia.

  • maternainglese

    Scuola per l'infanzia e scuola primaria "English School" nata per dare ai bambini l'opportunità di apprendere la lingua inglese in modo semplice e naturale.

  • montessori

    La Scuola Montessori di Castellanza è impegnata nella diffusione del pensiero e della pratica montessoriana.

  • scuola superiore

    L'offerta di ACOF per l'assolvimento dell'obbligo di istruzione presenta percorsi scolastici e sperimentali di istruzione e formazione professionale

  • formazione

    Ente di formazione Accreditato in Regione Lombardia per l'erogazione di Servizi formativi e Servizi al lavoro, copre una vasta area di interventi formativi e di accompagnamento per diverse tipologie di destinatari

  • aziende

    ACOF Aziende supporta lo sviluppo delle organizzazioni e dei professionisti attraverso gli strumenti della formazione e della consulenza.

  • spic

    La Scuola di Specializzazione in Psicoterapia ad indirizzo Integrato e di Comunità SPIC-ACOF, riconosciuta dal MIUR, abilita all'esercizio dell'attività psicoterapeutica

  • Nido

    L'asilo nido è un servizio educativo e sociale che accoglie bambini dai 6 ai 36 mesi, integrando l'opera della famiglia, in modo da favorire un equilibrato sviluppo psico-fisico